ITS 4.0, ecco la M.O.L.E. Box per monitorare l’andamento della produzione

Si chiama ITS 4.0 – proprio a sottolineare come gli ITS rappresentano il volano dell’Industria 4.0 – il nuovo progetto promosso dal MIUR e sviluppato in collaborazione con il dipartimento di Management dell’Univesità Ca’ Foscari di Venezia, che coinvolge numerosi Istituti tecnici superiori, tra cui l’ITS Sistema Meccanica di Lanciano.

E proprio nell’ambito di questa iniziativa, gli alunni del corso Meccatronica 4.0 hanno presentato, sabato scorso al Palazzo degli Studi di Lanciano,  il Progetto M.O.L.E. box - Manufacturing Overall Line Efficiency (Manutentore 4.0) 

img_4371

La M.O.L.E. Box, presentata dagli alunni dell’ITS, fornisce strumenti per un monitoraggio in tempo reale degli indici di produzione, anche da remoto, permettendo la misurazione dell’andamento dei macchinari all’interno di una fabbrica, senza essere sommersi da una mole di dati superflui.

img_4364

Il dispositivo è basato su hardware ARDUINO ed è capace di interfacciarsi elettromeccanicamente anche con i macchinari più datati, al fine di permettere alle industrie di monitorare in tempo reale, attraverso un database su di un host online, l’andamento della produzione.

30739335_1619013561509425_5385542247884259328_n

Il Workshop sullo stato di avanzamento del progetto è stato introdotto dal presidente della Fondazione ITS Sistema Meccanica di Lanciano, Gilberto Candeloro, che ha sottolineato come la rivoluzione 4.0 non rappresenta – come molti sostengono – una ‘catastrofe’ per i posti di lavoro, ma comporta piuttosto la riqualificazione delle competenze.

“Se le macchine sono capaci di ragionare e apprendere – ha detto Candeloro – l’uomo cosa deve fare?”. La risposta sta nel cambiamento del ruolo dei tecnici, nell’ambito dell’intelligenza artificiale. “I tecnici dell’ITS – ha aggiunto il presidente – non devono più programmare le macchine ma devono gestire le emergenze. Devono diventare supervisor di linea e manutentori 4.0

31062243_1619013588176089_8529644001467301888_n

Concetto ribadito anche dal coordinatore del progetto, Antonio Maffei, che ha definito gli ITS come degli “incubatori di conoscenze per la quarta rivoluzione industriale”.

Il progetto “M.O.L.E. Box” è coordinato dall’ingegner Francesco Vacca, docente ITS e responsabile Pierburg, ed è stato presentato dagli studenti ITS.

  • Gianluca Giorgio – Progetto M.O.L.E.: finalità, strumenti e metodi 
  • Mirko Giardino – Progetto M.O.L.E.: soluzioni tecnologiche in ottica Industria 4.0, gruppo programmatori (Ing. Maikol Orlandi, responsabile) 
  • Berardi Riccardo – Team Leader gruppo Pierburg
  • Blagu Stefan – Team leader gruppo Taumat
  • D’Amico Errico – Team leader gruppo OMP

Alla presentazione sono intervenuti anche i rappresentanti delle aziende coinvolte nel progetto: Ing. Arturo Iurisci, Delta Automation; Ing. Giovanni Ramacieri – Responsabile Manutenzione Pierburg; Ing. Antonio Basilischi – Produzione, Engineering Pierburg;  Ing. Edoardo Marinucci, Responsible of Product Supply OMP srl; Ing. Alessio Lorenzi, Taumat. Infine, è stato offerto il punto di vista di Confindustria (rappresentata da Lino Olivastri) e del Polo Automotive (rappresentato dal direttore Raffaele Trivilino).

Il gruppo di progetto dell’ITS 4.0 di Lanciano è così composto:

progetto-mole

img_4374 30740624_1619013528176095_7292188465209278464_n 31113860_1619013534842761_8331434344543420416_n 30762813_1619013558176092_6457772827511619584_n 31062243_1619013588176089_8529644001467301888_n img_4373 img_4377 img_4378 30743798_1619013601509421_721071004079620096_n 30743557_1619028414841273_3969609341345988608_n 31052183_1619028411507940_7535821949658726400_n 31069062_1619028464841268_8415205547053154304_n 30743794_1619028461507935_5007968675005726720_n

img_4365 8cca77d1-1013-4fd4-b844-a15148574d17

 

 

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>